In America sembra che il mercato immobiliare sia in ripresa, grazie alle parecchie richieste di mutuo immobiliare, evidentemente gli americani hanno visto che i tassi di interesse si sono messi a un livello accettabile e in più la FED potrebbe anche abbassare ulteriormente i tassi.Attualmente il tasso di mercato è del 5,21% e questo dato ha invogliato l’utenza americana a comprare oppure a rifinanziare il debito residuo e quindi a contrarre un nuovo mutuo con le nuove condizioni.
Attualmente la situazione italiana è in una fase di stallo, l’ascesa dell’euribor si è fermata ma l’inflazione cresce sempre di più e questo sta generando malumori e la BCE sta valutando di aumentare il tasso di interesse, esattamente il contrario degli USA, anche se devo dire che l’economia americana è in una fase regressiva e la causa principale è da imputarsi ai fatidici mutui subprime.
In ogni modo se l’economia americana si risolleva, ci guadagnamo anche noi!

Sono volate nell’ultima settimana le domande di prestito immobiliare negli Usa con un rialzo del 32%, il piu’ consistente dal gennaio del 2001. Nel caso dei rifinanziamenti il rialzo e’ stato addirittura del 54%. L’andamento delle richieste, piuttosto depresse nelle settimane precedenti, e’ stato motivato dal calo dei tassi di mercato, scesi al 5,21% dal 5,61% precedente a valere su un mutuo trentennale.

Vai wallstreetitalia

Continua la tua lettura