L’Italia rischia di non raggiungere l’obiettivo del pareggio di bilancio entro il 2011. Lo sostiene la Bce, nel bollettino mensile, basandosi sugli obiettivi di disavanzo dei conti pubblici fissati nell’ultimo Dpef. La Banca Centrale Europea aggiunge però che, per il 2007, il rapporto tra deficit e Pil dovrebbe scendere sotto il 3 per cento

‘Il governo italiano’ , spiegano gli analisti di Francoforte, ‘si pone ora
come obiettivo un disavanzo pari al 2,5 per cento del Pil nel 2007, al 2,2 per
cento nel 2008 e all’1,5 per cento nel 2009. Sulla base di questi presupposti
l’Italia non raggiungerebbe il proprio obiettivo di medio periodo di un bilancio
in pareggio fino al 2011′.

Via Repubblica

Continua la tua lettura