I cinesi sono dei maestri in fatto di economia! Casi come questo in italia non succedono.

Borse, Alibaba.com guadagna più del 100%

Le azioni della società cinese di commercio on-line Alibaba.com hanno guadagnato oltre il 100% alla Borsa di Hong Kong pochi minuti dopo aver debuttato. Il titolo di Alibaba.com si scambia a 30,20 dollari di Hong Kong, in rialzo del 124% rispetto al suo prezzo di introduzione di 13,50 dollari.Alibaba.com – filiale del gruppo Alibaba, che comprende in particolare l’operatore Yahoo! in Cina e taobao.com, il più importante sito di vendite all’asta della Cina – propone due piattaforme internet, un sito per i suoi clienti cinesi e l’altro, in inglese, per i suoi clienti stranieri.L’ingresso in borsa, che ha permesso a Alibaba.com di intascare 1,5 miliardi di dollari americani, è considerato come il più importante di una società di internet, dopo quella di Google.

Vai sole24ore

Dopo Petrochina debutto bomba anche per l’e-commerce cinese di Alibaba

Un rialzo del 165% nel giorno della quotazione. E’ questa la straordinaria performance del titolo Alibaba, colosso dell’e-commerce cinese. Il titolo, quotato sulla Borsa di Hong Kong, è giunto alla pausa di metà seduta che caratterizza la seduta nell’ex protettorato britannico a 35,65 dollari, in rialzo del 165% rispetto a un prezzo di Ipo fissato a 13,5 dollari (massimo della forchetta di riferimento). Agli attuali livelli il titolo viaggia a un rapporto tra prezzo e utili previsti per il 2007 da vera e propria bolla internet, pari a 106,3. La capitalizzazione di mercato è pari a 180,6 miliardi di dollari di Hong Kong. Quella di oggi è per dimensioni la seconda Ipo di una internet company di sempre, seconda solo a quella di Google. Con l’operazione Alibaba ha raccolto 1,5 miliardi di dollari, nel 2004 l’Ipo di Google era arrivata a 1,67 miliardi. Alibaba ha messo sul mercato 858,9 milioni di azioni, pari al 17% del capitale.
La compagnia, che vanta un numero di utenti registrati pari a 21 milioni, opera come punto di incontro tra compratori e distributori cinesi e internazionali e riceve una commissione dai fornitori dei prodotti esposti e venduti sul suo sito internet. Alibaba è anche proprietaria del sito di aste on-line Taobao.com e del sistema di pagamento Alipay.com.Ieri un’altra matricola cinese, Petrochina, dopo aver chiuso la seduta a Shanghai in rialzo del 163% è salita al primo posto nell’Olimpo dei maggiori gruppi mondiali per capitalizzazione, scalzando dalle prime posizioni, con una capitalizzazione complessiva di mille miliardi di dollari, giganti come Exxon e General Electric. Nel successo di Alibaba c’è però almeno un po’ di America. Yahoo detiene infatti una quota di circa il 40% di Alibaba Group, la controllante di Alibaba.com.

Vai finanzaonline

Continua la tua lettura