In America ci sono dei negozi di abbigliamento di marca, i golfini, pantaloni, vestiti, bustier e tanto altro di Calvin Klein, Armani, Westwood, Prada, etc. tutto rigorosamente usato dalle star hollywoodiane e dai ricchi che dopo averli usati una volta sola, li danno via e quelli che non possono permettersi questi capi fashion di alta moda a pieno prezzo, possono comprarli a meno della metà del suo prezzo originale.
Ci sono anche casi dove possono noleggiare una macchina di lusso, tipo BMW, utilizzando il "car sharing" dove con poca spesa la propria immagine si ingigantisce al cospetto degli altri che crederanno che siete ricchi.

Insomma la filisofia è quella di vivere come dei "paron" pagando poco, In Italia non c’è questa filisofia ma se uno si impegna con poco si può ottenere tanto, faccio un esempio su come può un italiano medio sembrare ricco con pochi soldi:

1) Abbigliamento: al mercato della propria città si possono trovare dei vestiti di buona fattura e a poco prezzo, oppure andare in vari outlet sparsi per l’Italia dove si possono trovare dei capi di marca a metà prezzo;
2) Auto: se si vuole una macchina sfarzosa, tipo Mercedes, BMW, Lexus, SUV basta guardare l’usato in giro e si riesce a trovare un bel usato di 2 anni a buon prezzo oppure utilizzare il noleggio dove con 300 euro al mese puoi avere una di queste macchine;
3) Casa: per avere una casa al mare o in montagna si possono utilizzare le opzioni della multiproprietà;
4) Accessori vari: vi manca un cellulare, un tavolo, un armadio, sfruttate i mercatini dell’usato dove sia possibile il baratto, date dentro un oggetto che non usate più e così potete avere quello che vi serve.

E mi fermo qui, possono esserci tante opzioni su come vivere al massimo pagando il minimo, basta avere un pò di fantasia e avrete il mondo ai vostri piedi con poco!

"Tutto è cominciato con quella lunga fila che si snodava fuori dal piccolo negozio di Manhattan fin dalle prime luci dell’alba. Dalle vetrine poste al piano rialzato si intravvedevano le morbide onde azzurrine firmate Alexander McQueen, i golfini Vivienne Westwood, i bustier ultra sexy Calvin Klein, le mise rosso ciliegia. No, non sono passati decenni ma solo poco tempo dall’affacciarsi alla ribalta di Ina Bernstein, adesso regina dell’usato di lusso, così nota che sembra dominare la scena da sempre. Quella prima folgorante volta della sua boutique (adesso ne ha cinque) si era materializzata quando si era sparsa la voce che la produzione di «Sex and the city» le aveva destinato una vagonata di abiti, quelli indossati da Sarah Jessica Parker nei panni di Carrie.
L’acquisto a metà prezzo di capi fashion e accessori di gran marca, indossati magari per una sola serata da star e top model, è diventato un assoluto must."

Via lastampa

Continua la tua lettura