Con la crisi dei mutui subprime che ha coinvolto anche le banche inglesi di sua maestà, con il conseguente aumento delle rate del mutuo ha fi fatto generato una ulteriore crisi che ha coinvolto il mercato immobiliare.
Adesso gli appartamenti in Inghilterra costano molto meno di prima ma sarà difficile per l’inglese medio aprofittare di questa flessione in quanto non è conveniente, sopratutto in questo momento, accendere un mutuo in virtù delle rate troppo alte e sicuramente quelli che vorranno vendere ci penderanno 2 volte prima di vendere.

Questo mese il mercato delle case di Londra guida il piu’ forte ribasso dei prezzi in UK degli ultimi 5 anni, alla luce del fatto che il piu’ alto costo dei mutui e la prospettiva di ulteriori ribassi dei prezzi immobiliari tiene lontani i compratori.

Vai wallstreetitalia

In ogni modo se noi italiani volessimo aprofittare, vi ricordo che acquistare una casa a Londra o in Inghilterra non è una avventura semplice, e non soltanto per i prezzi (anche se i prezzi sono calati sono sempre più alti che in Italia), ma anche per tutta la procedura, molto diversa da quella italiana, che si deve seguire.
La prima differenza fondamentale è che non c’è il Notaio, l’intero procedimento di compravendita di un immobile (conveyancing) è gestito da Avvocati (Solicitors), ovviamente uno per il venditore (seller’s solicitor) ed uno per il compratore (buyer’s solicitor). Normalmente gli stessi agiscono anche, nel caso di mutui da estinguere o da accendere per le relative Banche o soggetti mutuanti.

Continua la tua lettura