Un segnale positivo in Italia, la disoccupazione cala al 6.1% e raggiunge i livelli del 1993.

Lo comunica l’Istat, nel rapporto annuale diffuso in mattinata. Il tasso di disoccupazione scende dal 6.8 del 2006 al 6.1 del 2007, l’aumento di occupazione riguarda prevalentemente il Sud d’Italia.

Dato che invece risulta preoccupante è quello della disoccupazione giovanile, vediamo nel dettaglio:

In controtendenza il tasso di disoccupazione giovanile, che è aumentato dal 22,6% del quarto trimestre 2006, all’attuale 23,2%. Nella media del 2007 l’occupazione è aumentata dell’1,%, pari a 234.000 unità in più in confronto al 2006.

In aumento invece l’occupazione straniera in Italia,è risultata pari a 154.000 unità, con un aumento di 87.000 unità.

Nel complesso:

La crescita dell’occupazione straniera è risultata pari a 154.000 unità (+87.000 uomini e +67.000 donne). Sempre nella media dello scorso anno l’occupazione totale è cresciuta, rispetto al 2006, dell’1% per cento nel Nord (+118.000 unità, di cui 82.000 stranieri) e del 2,5% nel Centro (+116.000 unità, di cui 54.000 stranieri). Nel Mezzogiorno l’occupazione è rimasta sostanzialmente stabile, nonostante il moderato incremento degli stranieri (+17.000 unità).

Continua la tua lettura