Ricevo stamane dal mio amico Stefanino una mail di quelle catene “informative” che girano nell’underground del web. Premetto che non sono al corrente dei dettagli di questa informativa, ma penso possa comunque essere un ottimo spunto di discussione. Chiaramente conferme e smentite sono sempre ben accettate.

La scelta della data del 13 aprile per il voto in alternativa a quella del 6 di aprile può apparire casuale ma non lo è affatto: votando il 6 aprile, infatti, i parlamentari alla prima legislatura non rieletti non avrebbero maturato la pensione, votando invece come stabilito dal Consiglio dei Ministri il 13 aprile, ovvero una settimana dopo, acquisiranno la pensione. E poi parlano di voler fare l’election day per ridurre i costi della politica -ironizza- Ben altri saranno i costi di queste pensioni, non solo in meri termini quantitativi, ma anche per il messaggio dato al Paese, perché questo è il tipico esempio di come fatta la legge viene subito trovato l’inganno. MORALE DELLA FAVOLA 300.000.000 DI COSTI PER QUESTA GENTACCIA CHE DOPO POCHISSIMI MESI SENZA FAR NULLA GIA’ HANNO UNA PENSIONE DI PLATINO ALLA FACCIA DEI PENSIONATI CHE DOPO UNA VITA DI LAVORO ADESSO PER MANGIARE RACCATTANO LA VERDURA RIMASTA A TERRA NEI MERCATI.

I toni sono molto accesi. Sinceramente, se quando denunziato fosse vero, non ci sarebbe molto da stupirsi. Dagli anni ’70, quando ancora la politica era una “vocazione” e i politici italiani guardavano con invidia i colleghi tedesci o dei paesi bassi, è iniziata quella rincorsa all’arricchimento “castastale” che ha portato alla situazione dei giorni nostri.

Leggi e provvedimenti che nascondono, spesso anche senza nascondere, privilegi che arricchiscono e fortificano la classe politica.

Per chi volesse approfondire l’argomento, e stranamente non l’avesse letto, consiglio il libro LA CASTA di Rizzo e Stella.

Continua la tua lettura