In serata Enel continua la scalata della russa Ogk-5, superando soglia del 30% dei capitali. Ciò significa, in base al diritto russo, la possibilità di lanciare una OPA nel mercato sovietico, sull’intero capitale della società.

“Enel ha acquisito un ulteriore 7,15% della russa Ogk-5 per circa 304 milioni di euro, portando la propria quota al 37,15% e annunciando il prossimo lancio di un’Opa sull’intero capitale della società.”
via Reuters.it

Ogk-5 comprende principalmente delle centrali elettriche a gas e carbone, come riporta Repubblica:

OGK-5, in particolare, comprende quattro centrali termoelettriche situate nelle regioni più sviluppate e in rapida crescita:
– una centrale alimentata a gas da 2.400 MW a Konakovskaya nella regione di Tver (Russia Centrale);
– una centrale alimentata a gas da 1.290 MW a Nevinnomysskaya nella regione di Stavropol (Russia Meridionale);
– una centrale alimentata a carbone da 3.800 MW a Reftinskaya nella regione di Sverdlovsk (Urali);
– una centrale alimentata a gas da 1.182 MW a Sredneuralskaya nella regione di Sverdlovsk (Urali).

Nulla da stupirsi comunque, in quanto Enel già da anni è integrata nel mercato Russo con partecipazioni importanti in altre società tecniche. L’8 novembre l’amministratore delegato di Enel Fulvio Contì presenterà i piani di sviluppo proprio nel mercato Russo.

Continua la tua lettura