Stavolta l’euro ha rallentato la sua corsa, secondo me è un bene in quanto potrebbe stabilizzare l’economia mondiale e di conseguenza rallentare l’inflazione!Se il dollaro prende un pò di ossigeno, la Fed potrebbe anche abassare ulteriormente i tassi di interesse favorendo così l’ecomomia americana.

L’euro apre in ribasso sui marcati del Vecchio Continente a 1,4655 dollari, contro 1,4683 dollari delle indicative della Bce di venerdi’ scorso e dopo il nuovo record storico di 1,4752 dollari toccato sempre venerdi’. Dollaro/yen a 110,20 dopo aver raggiunto in precedenza il minimo da 18 mesi a 109,85. Euro/yen in forte calo a 161,93 contro 163,22 delle rilevazioni ufficiali e dopo essere calato ai minimi da 3 settimane a 160,70. Gli investitori continuano a tenersi lontani dal carry trade e dalle operazioni a rischio per paura delle turbolenze sui mercati finanzaiari e in particolare sul settore bancario.

Vai Agi News

Cambi: euro stabile contro dollaro a 1,4644 usd
Avvio di settimana poco mosso per il mercato valutario, dopo il forte depprezzamento del biglietto verde della scorsa ottava sui timori per un nuovo taglio dei tassi in Usa, visti i deludenti dati macroeconomici a stelle e strisce. Il cross eur/usd sta passando di mano a 1,4644 mentre quello usd/yen vale 110,38.La giornata si preannuncia fiacca, vista la festa del Veteran’s Day in Usa, con il mercato dei titoli di stato chiuso e quello azionario aperto.

Vai Teleborsa

Continua la tua lettura