Li hanno definiti: bamboccioni , hanno capito che, a causa dei videogiochi prendevano la vita come un film; photo by musicainfinita.orgstudiando i loro atteggiamenti si sono allarmati per la crescita esponenziale di episodi di bullismo; ci è stato detto che non fanno altro che bere e drogarsi e, per finire, essendo una manica di viziati, avranno poche possibilità di sfondare nella vita.

Questo è più o meno il sunto di quanto, quasi quotidianamente si legge sui giornali riguardo ai giovani di oggi.

Poi, improvvisamente leggiamo che 500.000 giovani provenienti da ogni parte del mondo sono andati in Australia alla giornata della gioventù e, di questi, molte migliaia vengono dall’Italia e, in più di un caso hanno lavorato per pagarsi il viaggio: il tutto senza considerare i milioni che, in silenzio e senza disturbare, si danno da fare nel sociale, per esempio.

Già si sente in sottofondo il perenne insoddisfatto che grida scandalizzato per giovani che seguono i dettami, (e magari li mettono pure in discussione), preistorici della Chiesa rompipalle, (almeno così viene definita ogni volta che apre bocca su temi importanti).

Sta di fatto che nessuno si è preso la briga di notare che non tutti sono bulli, drogati, lobotomizzati, ignoranti e bamboccioni: c’è anche chi si impegna, chi anche da teen ager, sceglie temi importanti al posto del pub o della disco.

Capisco che per i vecchi insoddisfatti, questo sarà un duro colpo, constatare che i giovani d’oggi sono come quelli di ieri solo, per fortuna, con qualche mezzo in più.

Forza ragazzi, fategli vedere a questi vecchi, invidiosi di un tempo ormai perduto, che siete capaci di sorprenderci.

Continua la tua lettura