A quanto pare continueranno a pagare quelli che hanno sottoscritto mutui a tasso variabile e che vogliono cambiare condizioni per esempio passare al tasso fisso, non è possibile che un cittadino medio debba sobbarcare dei costi per chi vuole passare ad una migliore condizione.Le banche pensano solo ai soldi non si rendono conto che l’italiano medio fa sempre più fatica a rispettare le scadenze dei mutui sopratutto per quelli a tasso variabile e bisogna andare incontro alle esigenze di ogni singolo lavoratore che ha contratto un mutuo in modo che possano pagare ogni singola rata con tranquillità.

Portabilità dei mutui, trattativa sospesa.

Negato ancora l’azzeramento dei costi per chi volesse ottenere migliori condizioni Le associazioni dei consumatori hanno abbandonato il tavolo delle trattative che erano in corso con Abi e il Consiglio Nazionale del Notariato per l’applicazione della legge sulla «portabilità» dei mutui. Cioè quella che riguarda l’azzeramento dei costi per i sottoscrittori dei mutui che volessero ottenere migliori condizioni rinegoziando con la propria banca quelle di partenza oppure scegliendo una nuova banca che offra condizioni più convenienti.«Con rammarico siamo stati costretti a questa scelta -ha detto Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino (Mdc)- dalla posizione dell’Abi, che non ha accettato quanto previsto dalla Legge Bersani 40/2007».«Riteniamo indispensabile per i consumatori -ha detto Lorenzo Miozzi, presidente del Movimento Consumatori- l’azzeramento dei costi della portabilità per facilitare chi ha sottoscritto mutui a tasso variabile».Intanto secondo gli analisti di Lehman Brothers le perdite complessive accumulate a valere sui prestiti ipotecari Usa potrebbero arrivare a 250 mld di dollari nel giro dei prossimi 5 anni.Gli analisti sono del parere che il passivo potrebbe ricadere sulle banche commerciali, sulle agenzie governative del settore (Fannie Mae e Freddie Mac) e sulle compagnie assicurative. Sarebbero previste perdite per circa 50 miliardi di dollari per il solo 2008.

Vai lapadania

Mutui. Consumatori: “Azzerare i costi della portabilità”

Battuta d’arresto per la trattativa tra Abi, Consiglio nazionale del notariato e alcune associazioni di consumatori sulla portabilità dei mutui. Motivo della sospensione, hanno fatto sapere i consumatori, una diversa interpretazione dell’articolo 8 del decreto Bersani, riguardante i costi dell’operazione.
“Come associazioni dei consumatori – ha dichiarato Antonio Longo, presidente Movimento difesa del cittadino – siamo ferme nell’interpretare la normativa Bersani nel senso di azzerare i costi della portabilità per facilitare, per chi ha sottoscritto mutui a tasso variabile, la possibilità di ottenere condizioni migliori oppure di scegliere una nuova banca”.Secondo Codici la legge Bersani non lascia dubbi di interpretazione e per questo si augura “che l’Abi riveda la proposta di accordo presentata che parla di auspici affinché le banche effettuino tale operazione con oneri contenuti per la clientela”.A chiedere l’intervento del Governo, invece, Adusbef e Federconsumatori “affinchè le banche rispettino una legge, finora disattesa”.

Vai tuttoconsumatori

Continua la tua lettura