Un giorno mentre ero in macchina e dovevo andare in un posto, durante il tragitto mi sono ritrovato diverse macchine che non rispettavano la precedenza nelle rotatorie, diverse macchine che passavano anche con il rosso, diverse macchine che non rispettavano la precedenza tirando dritto senza neanche guardare se soppraggiungeva un’altra macchina, insomma se gli altri non rispettano il codice della strada, devo farlo io per loro, in sostanza le inchiodate e le imprecazioni sono nell’ordine del giorno, siamo in un totale menefreghismo che se un automobilista ha torto manda lo stesso a quel paese chiuque gli suoni il clacson contro.

Ormai ogni anno che passa circolano sempre sempre più macchine in giro e tutti hanno fretta di arrivare a destinazione, causando di fatto degli incidenti sia lievi sia mortali, poi se mettiamo di mezzo anche gli incoscienti che bevono alcoolici e dopo si mettono alla guida causando di fatto dei disastri mortali sia per chi guida sia per chi viene coinvolto nell’incidente, ecco che ci rendiamo conto che andare in macchina è un rischio e ogni volta che ci mettiamo a guidare dovremmo fare gli scongiuri per far si che vada tutto bene.

Attualmente è in auge una legge contro gli ubriachi e i drogati al volante, ma anche li mettiamo in carcere ritorneranno, poi a guidare una automobile il che dovrebbe farci capire quanti buchi presenta questa legge, mentre per quelli indisiplinati, incompetenti e maleducati cosa dovremmo fare? purtroppo in giro troviamo pochi vigili e così la maleducazione regnerà sovrana!

Un’anziana di 75 anni uccisa a Verona. Due giovani di 36 e 37, Stefano e Andrea, travolti a Savona. Poi Milano: è morto sul colpo il trentaduenne la cui auto è stata investita in pieno da un pirata della strada. E infine Teramo, Roma e Monza. Sei morti e un unico carnefice. Si chiama alcol. O ancora peggio ha un altro nome: è quello del mix letale alcol e droga.

Via ilgiornale

Continua la tua lettura