Nell’editoriale de Il Sole 24ore di domenica 1 giugno 2008, si parla del fatto che la vera sfida per il nuovo Governo sia la crescita e, citando il Governatore della Banca d’Italia, con il quel, peraltro destra, sinistra, centro, sindacati e imprese pare siano d’accordo, si mette al primo posto, fra le priorità, il rallentamento della dinamica della spesa pubblica corrente. “Per avere il bilancio in pareggio nel 2011, e far scendere la pressione fiscale al 40%, la spesa corrente deve diminuire di un punto percentuale all’anno, in termini reali, nei prossimi cinque anni”.

Veniamo ora alla triste realtà quotidiana:

G.A.Stella, al quale difficilmente sfugge qualcosa, ci ricorda che, nell’ultimo consiglio dei Ministri, il Ministro della Difesa: La Russa, ha fatto approvare una leggina con la quale si proroga di altri sei mesi il taglio delle procure militari italiane per le quali, giova ricordarlo, si fece un gran baccano circa un anno fa poiché i giudici che in esse “lavorano”, non hanno praticamente nulla da fare, (103 magistrati, 700 dipendenti e circa 1000 sentenze all’anno, un carico di lavoro 660 volte più leggero dei loro colleghi civili). Il taglio previsto avrebbe portato ad un risparmio complessivo, per il 2008-2009 di un miliardo e 340 milioni di euro…Fra sei mesi vedremo.

Il 29/05/08, sempre su: Il sole 24ore, (purtroppo l’articolo non è disponibile on line), un trafiletto nelle pagine interne, ci informa che nel decreto fiscale approvato il 28/05, si cancella la sanzione prevista per gli enti locali, (oltre il 10% del totale), che non hanno rispettato i vincoli di finanza pubblica: i comuni spreconi, per farla breve. Lo scorso anno, il decreto mille proroghe cancellò le sanzioni, quest’anno a pensarci è stato un decreto fiscale con il risultato che i comuni in stato finanziario comatoso, (qualcuno si ricorda di Taranto?), si sentiranno in dovere di spendere e spandere alla faccia di quanto detto sabato da Draghi ed in barba ai vincoli di bilancio ai quali tutti, in teoria, sono ligi.

Continua la tua lettura