Segui Trading Italia anche via RSS
Raccogliamo dal web gli articoli più interessanti su trading, mutui e finanziamenti e non solo. Articoli sul mondo politico, sul mondo economico e sulla sicurezza online. Ogni articolo riporterà la fonte per consentirti di approfondire online.
Segui Trading Italia anche via RSS. Non sai cos'è l'RSS?

May 5th, 2008 - 10:29

Il gruppo Microsoft ritira l’offerta per Yahoo!

Articolo scritto da Franco Milani


Incredibile passo indietro da parte del gruppo Microsoft, stavolta ha abbandonato i propositi di crescita che doveva fare insieme a Yahoo! in modo da poter contrastare la leadership di nel settore pubblicitario.
Il motivo di questo ritiro sono i costi, diffatti erano troppi, a loro dire, 53 miliardi di dollari per acquistare Yahoo!, in ogni modo questo ritiro dall’offerta ha il sapore di una manovra che ha lo scopo finale di calmierare le acque oppure intende aspettare che Yahoo! faccia il suo passo e cerchi Microsoft per allearsi, però entrambi hanno il tempo come nemico in quanto più si aspetta più il potere di cresce.

Potrebbe anche succedere che Yahoo! preferisca l’alleanza con anche se sotto il profilo economico non è molto alettante, in quanto ci rimetterà in .

Staremo a vedere come si metteranno i mercati attuali, ma sicuramente il gruppo Microsoft ha perso terreno e se Yahoo! non decide al più presto cosa vuole fare, rischia grosso!

Microsoft ha ritirato l’offerta di acquisto per il portale internet Yahoo, presentata in febbraio. Il passo indietro del colosso del software è dovuto alla mancanza di un accordo sul costo dell’operazione: troppi 53 miliardi di dollari per sfidare sulla pubblicità online. Ad annunciare la decisione è stato un portavoce della società di Redmond, che ha presentato i contenuti di una lettera inviata ieri dall’amministratore delegato Steve Ballmer ai vertici di Yahoo!. Microsoft - ha scritto l’ad - non è disposta a pagare 47,5 miliardi di dollari, vale a dire 33 dollari per azione.

Vai lastampa

Tags: , , , ,

Altri articoli interessanti

Rispondi al post