Segui Trading Italia anche via RSS
Raccogliamo dal web gli articoli più interessanti su trading, mutui e finanziamenti e non solo. Articoli sul mondo politico, sul mondo economico e sulla sicurezza online. Ogni articolo riporterà la fonte per consentirti di approfondire online.
Segui Trading Italia anche via RSS. Non sai cos'è l'RSS?

November 15th, 2010 - 01:52

The Daily Forex – Irlanda a rischio

Articolo scritto da Chris


Ancora problemi per Eurolandia. I rumors sono diventati fatti.
Questa volta a preoccupare e’ l’Irlanda, una volta conosciuta solo per la Guinnes e gli U2, poi, successivamente, diventata paradiso fiscale e piccola perla del progresso economico europeo.
Ora invece deve fare i conti con il proprio sistema bancario prossimo al collasso. Troppi i mutui erogati ai tempi d’oro dalle banche; troppi ed erogati facilmente. Conseguenze: la gente non pagava e non paga le rate! Naturale quando si presta del denaro a chi non puo’ restituirlo.
Da qui la crisi: un sistema bancario debole, con poca liquidita’,  quindi insolvente e inaffidabile.

Gli spread dei bond irlandesi decennali superano il 9%! Altissimi. Mai in Eurozona, si erano toccati tali picchi.
Segno di massima sfiducia degli investitori nei confronti del governo Irlandese.  Sfiducia che a catena, potrebbe propagarsi sui bond di  Spagna e Portogallo (ricordate i famosi PIGS).
Tant’e’ che la Banca Centrale Europea propone subito un bailout per risanare le casse del governo d’Irlanda:  un prestito da 500 miliardi di euro.
Troppo orgogliosi gli irlandesi per accettare subito la proposta: ne andrebbe del prestigio internazionale! Per adesso aspettano.

A Bruxelles,  questa settimana, l’Unione Europea continuera’ a monitorare la situazione con una serie di meetings.
Nel frattempo le preoccupazione per un’economia Europea ritornata fragile mi fa pensare ad una settimana debole per la moneta di casa, l’Euro, nei confronti di tutte le altre valute.

Trade safe.
Chris.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Tags:

Altri articoli interessanti

Rispondi al post