Exit Poll 2013 »

Il 15 e 16 maggio 2011 si svolgeranno le elezioni amministrative: comuni e province rinnoveranno i propri staff in base al voto degli elettori. Come per ogni elezione seguiremo insieme prima dei risultati l’andamento dei voti tramite gli exit poll, ovvero le proiezioni che i vari istituti statistici eseguono, intervistando i cittadini fuori dai seggi.


Exit Poll risultati (intention poll)

Ricordiamo che sono dati stimati in base alle proiezioni delle interviste fuori dai seggi. Non corrispondono alla realtà e sono in continuo aggiornamento (15:05)

  • Milano: Moratti 41.58% – Pisapia 48.04% def.
  • Torino: Coppola 27.30% – Fassino 56.66% def.
  • Bologna: Bernardini 30.35% – Merola 50.46% def.
  • Napoli: Lettieri 38.52% – Morcone 27.52% def.
  • Cagliari: Fantola 44.71% – Zedda 45.15% def.
  • Trieste: Antonione 27.56% – Cosolini 40.67% def.

fonte Corriere


I seggi saranno aperti dalle ore 8 di domenica 15 maggio, fino alle ore 22 dello stesso giorno. Riapriranno poi alle ore 7.00 di lunedì fino alle ore 15. Le province coinvolte per l’elezione di presidente e consiglio sono:

Campobasso, Lucca, Macerata, Mantova, Pavia, Ravenna, Reggio Calabria, Treviso, Vercelli

Sindaci e consigli comunali invece saranno eletti in 1.177 comuni, tra cui 23 capoluoghi di provincia:

Arezzo, Barletta, Benevento, Bologna, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Fermo, Grosseto, Latina, Milano, Napoli, Novara, Ravenna, Reggio Calabria, Rimini, Rovigo, Salerno, Savona, Siena, Torino, Varese

Eventuali ballottaggi si disputeranno il 29 e 30 maggio 2011 con i medesimi orari.

 

Affluenza alle urne

Affluenza, dato definivo
Lunedi ore 15:
affluenza provinciali 68,62% (65,45% prec.) – comunali 71,64% (72,46% prec.)

Domenica ore 22
: affluenza provinciali 40,96%comunali 51,90%
Domenica ore 19: affluenza provinciali 29,79% – comunali 38,68%
Domenica ore 12: affluenza provinciali 9,37% – comunali 13,38%

Come si vota

Per le elezioni provinciali la scheda sarà di colore giallo e consentirà di esprimere voti per i candidati al consiglio provinciale e per i candidati alla presidenza.

Per le elezioni nei comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti (scheza azzurra) sarà possibile votare per: una delle liste, per un candidato sindaco, per un candidato sindaco e una lista collegata, per un candidato sindaco e una lista non collegata (voto disgiunto). In aggiunta sarà possibile indicare il nome di un consigliere comunale, inserendo il nominativo sulla riga corrispondente al contrassegno di lista del candidato.

Per le elezioni nei comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti sarà sufficiente contrassegnare il nome del sindaco. Sarà possibile anche indicare il consigliere aggiungendo il nome.

Per maggiori dettagli e fac-simile delle schede elettorali si consiglia la presa visione della pagina dedicata presso il sito del Ministero dell’Interno.

 

Exit poll editoriali

Anche le principali testate giornalistiche sono già pronte per le Amministrative 2011, a suon di exit poll, infografiche e news. Chi offrirà il servizio migliore, più aggiornato ma soprattutto gli exit poll più affidabili? I principali “Speciale Elezioni amministrative 2011” sono:

 

Sfide politiche

Come ogni elezione il resoconto diventa un bilancio per i partiti. Ci sono delle sfide in queste amministrative il cui peso sarà decisivo per l’equilibrio politico nazionale: gli exit poll saranno il collante per migliaia di parlamentari del governo e dell’opposizione.

Milano: Letizia Moratti (centro destra), attuale sindaco, in sfida contro Giuliano Pisapia (centro sinistra) e Manfredo Palmeri (terzo polo) di Palermo.

Torino: Piero Fassino (centro sinistra) contro Michele Coppola (centro destra) e Albero Musy (terzo polo)

Bologna: Virginio Merola (centro sinistra) contro Manes Bernardini (centro destra) e Stefano Aldrovandi (terzo polo)

Napoli: Mario Morcone (centro sinistra) contro Gianni Lettieri (centro destra) contro Luigi de Magistris (Idv) e Clemente Mastella (Udeur)

Cagliari: Massimo Zedda (centro sinistra) contro Massimo Fantola (centro destra) e Ignazio Artizzu (autonomia e diritti – api)

Trieste: Roberto Antonione (centro destra) contro Roberto Cosolini (centro sinistra) e Franco Bandelli (Un’altra Trieste)

Continua la tua lettura